Il Teak e la sua Storia

Il Teak è un legno pregiatissimo, apprezzato tanto per la sua bellezza quanto per la sua forza e resistenza.

 

Nel corso dei decenni, Rosa Splendiani ha acquisito grande esperienza nel processo produttivo e commerciale del legno di teak. Con un occhio sempre attento alla eco-sostenibilità delle sue fonti di approvvigionamento.

fibre sintetiche + teak naturale

Per le nostre produzioni di mobili da esterno e intreno, acquistiamo solo teak certificato legaledalle piantagioni indonesiane di proprietà statale, sull’isola di Java.

 

 

Il teak è originario di soli quattro paesi in tutto il Globo: India, Birmania, Laos, Thailandia. Nei secoli scorsi, a causa del disboscamento eccessivo, quasi tutte le foreste naturali di teak sono scomparse.

 

Fortunatamente però, il teak continua a prosperare nelle piantagioni di tutto il Sud-est asiatico.

 

E’ stato introdotto in Indonesia dai monaci buddisti della Birmania ed è stato coltivato in piantagioni man mano più grandi dagli olandesi, per la costruzione delle navi che battevano le rotte delle spezie.

Il processo di approvvigionamento del Teak è molto complesso e richiede pratiche e requisiti burocratici davvero stringenti che Rosa Splendiani rispetta perfettamente.

 

 

Il teak è estremamente ricercato per la produzione di mobili di fascia alta. In virtù di una richiesta così elevata, la domanda globale di questa essenza è in continua crescita.

Tutto il teak indonesiano proviene da piantagioni controllate da Perum Perhutani, l’ente governativo che controlla tutte le piantagioni in Indonesia.

 

Per garantirci di poter ottenere una quantità sufficiente di risorse in teak, noi di Rosa Splendiani abbiamo costruito negli anni una squadra di responsabili addetti alla selezione.

 

I nostri esperti in loco, hanno il compito di scegliere i tronchi ideali per la nostra produzione (i migliori tronchi con il minor numero di “difetti” naturali).

Le condizioni climatiche dell’isola di Java sono ideali per la coltivazione del teak. Questa pianta cresce al meglio nelle zone subtropicali, con temperature comprese tra 17°C e 43°C, e con abbondanti piogge annuali, su un terreno fertile, ben areato e drenante.

Il teak è ampiamente conosciuto come il legno tropicale più pregiato ed è utilizzato principalmente per mobili di lusso, navi e scopi di costruzione decorativa.

Con il suo alto contenuto di olio naturale, il teak resiste a condizioni climatiche estreme ed è estremamente stabile una volta adeguatamente stagionato mediante essiccazione in forno.

Come puoi identificare il legno di teak indonesiano perfetto in termini di età, aspetto e contenuto di olio?

 

Di forma simmetrica con difetti superficiali limitati come nodi e cicatrici. Cerchiamo di scegliere tronchi che abbiano uno strato sottile di alburno, che normalmente va anche di pari passo con un albero che è cresciuto a un tasso di crescita più lento, il che significa livelli più elevati di densità e contenuto di olio.

Scegliamo solo tronchi con un’età minima di circa 35 anni e oltre per garantire che il legno sia di qualità sufficiente, mentre altre aziende utilizzano il teak che ha solo 10 anni e ha poca densità o contenuto di olio.Altre storie da raccontare sul legno di teak su Java?Le piantagioni di teak non sono davvero diverse da qualsiasi altra coltura, tranne per il fatto che il ciclo di crescita è molto più lungo. Possono essere necessari dai 35 ai 50 anni perché un albero di teak maturi completamente: il teak è un materiale nobile e non qualcosa che può essere affrettato! Le piantagioni di teak a Giava sono state gestite per innumerevoli generazioni da Perum Perhutani e oggi le loro piantagioni comprendono circa 1,1 milioni di ettari di teak, rendendole le più grandi piantagioni di teak del mondo intero.

Perum Perhutani lavora anche ampiamente con le comunità locali durante il ciclo di piantagione rotazionale, dove consentono agli abitanti del villaggio di piantare colture durante il periodo di incantesimo tra i raccolti.